Mystery Train del 13 Maggio 2021 “Blind Willie’ s Holy Blues”

Dischi della Settimana:

Blind Raccoon And Nola Blue – “Collection Volume III” (BRNB)

Prosegue a gonfie vele la fruttuosa collaborazione tra la casa distributrice di Nashville,

Tenn. e l’etichetta di Lancaster, Pa. Betsie Brown (BR) e Sallie Bengston (NB) condensano

in questo doppio cd il meglio della loro produzione del 2020 e anticipano le uscite per

l’anno in corso. Ben tredici su trentadue le anteprime e tra queste segnaliamo Clarence Spady, Mark Cameron, Brigitte Purdy, Sandy Haley e Teresa James & The Rhyth Tramps.

Dalle pubblicazioni più meritevoli della passata stagione arrivano le tracce di John Németh,

Laura Tate, Kelly’s Lot, Skylar Rogers, Reverend Freakchild e del compianto Frank Bey.

Un paio di titoli (Benny Turner e Blind Lemon Pledge) sono datati 2016. Naturalmente sul piatto una mistura ricca e appetitosa di blues, soul e roots rock, a cui siamo ormai piacevolmente avvezzi. Applausi a Betsie e Sallie !

Various Artists–“Industrial Strength Bluegrass”(Smithsonian Folkways)

Tra il 1940 e il 1980 l’Ohio Sudoccidentale, nell’area compresa tra le città di Dayton e Cincinnati, conobbe un prodigioso sviluppo industriale. Questo grazie anche alla manodopera proveniente dagli stati del sud e dall’estesa regione dei Monti Appalachi.

Questi migranti portarono al nord una florida tradizione musicale ed i fermenti del nascente “bluegrass”, espressione della country music con marcate influenze blues, jazz e gospel.

Quelle rampanti sonorità ebbero una massiccia diffusione attraverso una fitta rete di musicisti, case discografiche ed emittenti radiofoniche. A questo affascinante fenomeno socio-musicale è dedicata la nuova pubblicazione dell’operosa etichetta di Washington, DC.

Prodotto da Joe Mullins, noto banjoista e affermato disc jockey, l’album presenta una serie di brani concepiti in quel felice periodo con nuove e vibranti interpretazioni di artisti contemporanei di assoluto rilievo. Vince Gill, Lee Ann Womack, Bobby Osborne, Rhonda

Vincent, The Grascals, Jim Lauderdale…Un’autentica parata di stelle per una raccolta di grande “Musica delle radici”. Imperdibile.

The Hitman Blues Band – “Not My Circus, Not My Monkey” (Nerus)

Da oltre vent’anni Russell “Hitman” Alexander e la sua band propongono un pacchetto musicale, che dalle profonde radici blues si è evoluto in un suono moderno e personale

che ingloba e amalgama soul, rock, jazz e gospel. Con questa nuova uscita, il chitarrista

e cantante newyorkese colpisce a pieno il bersaglio e firma quella che, con tutta probabilità,

è la sua opera più matura e compiuta. Con una formazione molto compatta e ampliata nella sezione fiati – ben quattro elementi – Alexander accentua con decisione l’impronta soul e funk e affianca a otto nuove scintillanti composizioni tre strepitose covers. Si tratta di “Nobody’s Fault But Mine” e “John The Revelator” di Blind Willie Johnson e la dylaniana “The Times They Are A-Changin’”. Titoli storici di blues, gospel e folk, rigenerati da un

trattamento originalissimo, una sorprendente e inedita spinta funky e qualche modifica nei testi. Tanto di cappello…naturalmente il suo caratteristico “cilindro” !

The Wildcat O’Halloran Band – “You Can’t Fall Off The Floor” (Autopr.)

Da più di tre decenni attivo sulla scena blues del New England – Springfield, Mass. – Bill “Wildcat” O’Halloran firma l’opera numero sedici ad un anno di distanza dall’interessante “Deck Of Cards”. Delle due signore là presenti, la bassista Kathy Peterson ha preferito ritornare alla professione medica in prima linea contro il Covid-19. Al suo posto è arrivato David Kenderian. Al contrario la sassofonista Miss Emily Duff è sempre saldamente al suo posto, nonostante la traumatica esperienza vissuta su una nave da crociera in Asia, allo scoppio della pandemia e alla conseguente odissea del ritorno in patria. Il blues proposto dalla band è, come sempre, verace, diretto e per nulla edulcorato. Per questa tornata Bill

va a pescare dai canzonieri di Ray Charles, Howlin’ Wolf, Johnny Copeland e Albert King

e include nuove tracce autografe, sempre ricche di vivace umorismo e pungente autoironia.

Le Altre Novità:

Shemekia Copeland, Nikki O’Neill, Bette Smith, Dexter Allen, AJ Fullerton,

The Hokes (a.k.a. Punch Brothers), The Klezmatics, Donna Herula, Kelly’s Lot,

Reverend Freakchild, Little Green, Catherine Britt with Lee Kernaghan,

The Reverend Shawn Amos.

Dal Passato:

Dr. John, Delbert McClinton And Self-Made Men + Dana, Lee Allen, Los Lobos,

Art Blakey & The Jazz Messengers, Blind Willie Johnson.

Benvenuti a Bordo !