NEWS

DETTAGLIO NEWS

Dalle 14:58 alle 15:03
Informazione IN BLU
Redazione

ON AIR

Gavi. L'artista Lorenzo Bevegni espone a Spazio Arte

Alberi, mistici profili in ascesa verticale, perpendicolari alla linea degli orizzonti di cui disegnano lo spazio. Dalle radici, attraverso le vene dei tronchi e l’intreccio dei rami, passano i sentieri che valicano la frontiera fra la terra e il cielo. “Alberi” è il titolo della mostra che apre le porte all’estate di Spazio Arte.

Meli, mandorli, pioppi, querce, noccioli, viti e ulivi, solitari o in linee di confine e compagnie di frutteto. E il gelso, che al tempo delle filande e della pregiata seta locale popolava i nostri paesaggi, tra Novi e Alessandria, con il nodoso, nobile fusto e l’eleganza esile dei rami. Come i suoi gelsi, anche l’artista, il maestro Lorenzo Bevegni, ha qui le sue radici.

Nato e cresciuto nella campagna di Frugarolo, anima migrante vissuta tra il porto di Genova e il mondo, Bevegni è uomo di transito, come i suoi alberi. Residente oggi nel capoluogo ligure, qui, tra collina e pianura, torna a casa. Un talento innato per il disegno, già espresso nelle tecniche grafiche di scuola e lavoro, dopo gli studi nautici e gli anni settanta trascorsi da capitano su petroliere e mercantili, Bevegni approda alla pittura da autodidatta con l’attracco e l’attività d’agente marittimo. Ancora vita di viaggio, con un’ancora nella famiglia e nella dimensione pittorica del paesaggio. 

La mostra rimarrà aperta fino al 12 luglio, in Corte Zerbo a Gavi. Orari: da giovedì a domenica, dalle 16.00 alle 19.00. Entrata libera.

ARTICOLI CORRELATI

Sono stati resi noti a Tortona i risultati del sondaggio sull'utilizzo da parte dei cittadini dei servizi digitali della pubblica amministrazione.
martedì, 13 agosto
Il consorzio novese dei servizi sociali rimarrà presto senza guida. Il presidente del Csp Ippolito Negro ha già presentato le dimissioni, imitato da Concetta Malvasi, componente del consiglio di amministrazione (...
domenica, 11 agosto