NEWS

DETTAGLIO NEWS

Dalle 08:09 alle 09:59
PNR Oggi è Sabato!
Redazione Musica

ON AIR


M y s t e r y T r a i n d e l 9 M a g g i o 2 0 1 9 “ G o o d L o o k i n ‘ M a m a “

 

D i s c h i d e l l a S e t t i m a n a :

B i g D a d d y W i l s o n - “ D e e p I n M y S o u l “ ( R u f )

Singolare il percorso musicale seguito da Wilson Blount, in arte Big Daddy Wilson.

Autentico ragazzo sudista di campagna – nato e cresciuto a Edenton, North Carolina –

muove i primi passi nell’ ambito della chiesa battista, lontano dalle tentazioni della strada

Il blues arriva più tardi, con il trasferimento in Germania per il servizio militare. E qui che Wilson decide di diventare cantante professionista ed è qui che trova moglie e una casa discografica – Ruf Records – pronta ad accoglierlo e a valorizzare il suo straordinario talento. “Deep In My soul” è una sorta di ritorno alle proprie radici sudiste,dopo una serie di lavori incisi in Europa. Registrato soprattutto a Stantonville, Tenn. nel quartier generale del titolatissimo produttore Jim Gaines e completato nei leggendari Fame Studios di Muscle Shoals, Alabama, l’ album è un meraviglioso omaggio alla musica del sud. Soul, blues, country e gospel si intrecciano in maniera naturale e profonda e raggiungono momenti di pura magia e commozione. L’onnipresente e talentuosa chitarrista californiana Laura Chavez dirige con sicurezza una nutrita band e fornisce un tappeto sonoro ideale per il maestoso e vellutato baritono di Blount. Musica che fa bene ai nostri cuori…

Dennis Brennan And The White Owls - “Live At Electric Andyland” (VizzTone)

Con alle spalle una corposa discografia all’ insegna della miglior musica delle radici ( blues,

soul, roots rock ), Dennis Brennan è considerato a ragione un autentico veterano della rigogliosa scena musicale di Boston, Mass. Di recente ospite del pianista Amthony Geraci

nell’ ottimo “Where Did You Have To Go”, l’ esperto cantante e armonicista organizza una

nuova band – i brillanti White Owls – e rilascia un album con tanto ritmo e passione.

Con un titolo che rimanda all’ indiscusso capolavoro hendrixiano, “Live At Electric Andyland” attinge a piene mani nei “songbooks” di grandi autori ( Johnny Guitar Watson,

Jimmy Reed, Willie Dixon, Mose Allison, Rolling Stones ) e concede al titolare e ai suoi collaboratori solo un paio di spiragli compositivi. In pratica un album di “covers” registrato in presa diretta senza ritocchi o aggiustamenti successivi. Appassionato e ruspante, il disco

sfodera un impeto torrenziale ed esplosivo, a tratti irresistibie.

C a r a B e i n g B l u e - “ G r i t “ ( Autoprodotto )

Prima del trasferimento a Nashville, avvenuto una decina di anni fa, Cara Lippman si era già messa in luce nella sua Boston, conquistandosi le pemurose simpatie della “Blues Queen” locale Shirley Lewis. Per quattro anni consecutivi nominata con la sua band per i

Nashville Industry Music Awards e con “Full Throttle”,il promettente Ep d’esordio del 2016,

la prosperosa vocalist seleziona dieci nuove canzoni e torna alla carica con un nuovo avvincente lavoro, il primo album completo. Con un gruppo di tutto rispetto, guidato dal fido chitarrista e autore Val Lupescu, Cara ripropone il suo eclettico e sensuale mix di blues, soul e rock con venature country, quasi d’obbligo nella “Music City”. Due gli ospiti

speciali, entrambi eccellenti chitarristi. In trasferta da NYC Dave Fields in “Crocodile Man”;

mentre gioca in casa Jack Pearson ( Allman Bros.), presente in “You Don’t Wanna”. Il disco

è dedicato a tutte le donne che affrontano le avversità della vita con grinta (“Grit”) e coraggio. La “title-track”, in particolare, a Barbara e Irish, due care amiche che hanno combattuto a lungo un’impari lotta contro un male incurabile.

A G W e i n b e r g e r - “ R e b o r n “ ( B i g F o o t )

Il più autorevole bluesman rumeno taglia il traguardo del decimo album e non smentisce la

fama di artista molto preparato e creativo. Uomo di spettacolo e cultura dalle innumerevoli risorse, Weinberger è insegnante, produttore e presentatore radiofonico e televisivo, ma

anche affermato attore e autore teatrale. Ma la musica è senza dubbio la sua forma espressiva favorita. Al centro il blues, ma intorno tanto altro e soprattutto jazz, cabaret, folk, country. rock psichedelico e pop. Il tutto sempre veicolato con gioia e passione. “Reborn” è stato registrato a Budapest (Ungheria),con una band in grande spolvero e un ospite specialissimo, Bob Margolin, che incrocia la sua guizzante “slide” con l’ elettrica del titolare nella pregevole “The Fool’s Lucky Day”. Ormai è risaputo, la Transilvania non è solo la terra del Conte Dracula, ma anche quella del gigante buono del blues : AG Weinberger !

L e A l t r e N o v i t à :

Ally Venable, Joanne Shaw Taylor, Sugaray Rayford, Albert Castiglia, John Cee Stannard,

Jimmie Vaughan, Anthony Geraci, The California Honeydrops, Luca Kiella, Mighty Mike

Schermer, The Reverend Shawn Amos, Leaf Rapids, Catherine Russell, The Campfire Flies,

T Sisters, Tullie Brae, Terry Robb.

D a l P a s s a t o :

Ray Charles, Mose Allison, Wynona Carr, Hank Williams, Rose Maddox.

B e n v e n u t i a B o r d o !